Regolamento Concessione Patrocinio

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E RICONOSCIMENTO

DA PARTE DELLA S.I.Po. – in vigore dall’ 8 novembre 2009

 

1) PATROCINIO E RICONOSCIMENTO

Il patrocinio della S.I.Po. a Congressi, Riunioni, Convegni, Corsi, ecc. costituisce il

riconoscimento ufficiale della piena validità scientifica e culturale della manifestazione

come se fosse fatta dalla S.I.Po. stessa, a pari dignità dei Congressi organizzati dalla

Società Italiana di Podologia.

 

2) MODALITA’ DI RICHIESTA

La richiesta di patrocinio o riconoscimento S.I.Po. a Congressi, Riunioni, Convegni, Corsi

ecc. deve pervenire al Presidente in carica tramite posta elettronica con congruo anticipo

(2 mesi prima dell’evento). Essa deve contenere un programma di massima corredato da

titolo dell’evento, titoli delle relazioni e relatori invitati (al fine di formulare il giudizio di

validità dei contenuti scientifici).

 

3) CONCESSIONE DI PATROCINIO O RICONOSCIMENTO

Il giudizio sulla concessione o meno del patrocinio o del riconoscimento spetta al Consiglio

Direttivo.

Il Consiglio Direttivo valuterà:

– il periodo di previsto svolgimento della manifestazione;

– i contenuti ed il programma, eventualmente ascoltando gli organizzatori;

– la valenza scientifica dell’evento

I giudizi saranno verbalizzati tenendo conto dei vari parametri.

In caso di corsi e convegni che si ripetano più volte in un anno, la concessione del

riconoscimento può essere data “una tantum” anche per più anni successivi.

Il giudizio finale sarà inviato, tramite e-mail, dal presidente in carica al referente

organizzatore dell’evento ed in calce al Consiglio direttivo

 

4) DEROGHE

Il Presidente ha facoltà di concedere deroghe al riconoscimento per motivi eccezionali,

dopo aver consultato i membri del Consiglio Direttivo

 

5) DIFFIDE

L’organizzatore di un Congresso, Riunione, Convegno, Corso, ecc. che a partire dalla

approvazione del presente regolamento, dichiari un “patrocinio” o “riconoscimento” non

ufficialmente ottenuto ai sensi di quanto sopra, sarà diffidato e deferito al Collegio dei

Probiviri.

 IL PRESIDENTE

Dott.Raniero Russo

 

Scarica domanda in formato PDF